Le differenze tra i server vanno ben oltre il concetto di esclusività espresso chiaramente dalle parole “dedicato” e “condiviso”. Quando si fanno comparazioni tra server dedicati e server condivisi bisogna parlare di macchine, risorse, personalizzazioni e – inevitabilmente – di soldi.

Generalmente, le scelta del server adatto per l’azienda o il proprio progetto avviene dopo aver intrecciato tre fattori: esigenze, budget e conoscenze informatiche.

Cosa compro quando compro un server dedicato?

Un server dedicato è una macchina di tua proprietà o fornita da un provider che usi solo tu. Su questa macchina ci sono solo i tuoi progetti e i tuoi siti web.
Le risorse del server sono tutte a tua disposizione. RAM, spazio fisico, larghezza di banda e sistemi di sicurezza sono a tuo uso esclusivo.
Va da sé che, non dovendo condividerle con nessuno, queste risorse sono altamente personalizzabili a seconda delle tue esigenze.

Come funziona un server condiviso?

Un server condiviso è una macchina disponibile per più utenti. Ospita siti web e progetti differenti che nulla hanno a che fare tra loro.
Il server ha una certa quantità di RAM, di spazio e di banda che condividi con tutti gli altri. Ogni progetto ospitato può fare affidamento su un unico sistema di sicurezza proprio del server condiviso.
L’unica cosa che puoi personalizzare è la richiesta di utilizzo di queste risorse, ad esempio puoi scegliere quanto spazio acquistare.

Server dedicato per le aziende

Un’azienda che gestisce importanti progetti sul web sceglie solitamente un server dedicato. Questi sono i motivi principali:
– le esigenze di performance, personalizzazione e sicurezza sono elevate;
– hanno a disposizione un budget maggiore rispetto ai privati o alle piccole imprese;
– per configurare e gestire il proprio server dedicato si avvalgono di tecnici informatici esterni o interni all’azienda.

L’ultimo punto è quello che sembra interessare particolarmente le aziende. La maggior parte delle richieste di informazioni che riceviamo per i nostri servizi di server dedicati riguarda infatti la gestione informatica: “Il server lo configurate voi?”, “Se succede qualcosa, cosa faccio?”, “C’è qualcuno che controlli che funzioni tutto?” e così via. Un servizio di server dedicato di buon livello dovrebbe poter offrire assistenza personalizzata 24 ore su 24 e garantire la ripresa dei lavori in brevissimo tempo in caso di problemi tecnici.

Server condivisi per privati e piccole imprese

Quando il progetto è relativamente semplice – il tuo primo blog privato, un sito di presentazione dell’azienda – si può optare per i server condivisi.
Questo però non vuol dire dover rinunciare alla qualità per risparmiare pochi euro!
Per la regola del “Tutto va bene finché qualcosa va storto”, anche nel caso di server condivisi, è buona norma scegliere un servizio hosting professionale che possa fornire assistenza e rispondere ai propri dubbi in breve tempo.

[button title=”Non riesci a scegliere tra server dedicato e server condiviso?
Contattaci e ti aiuteremo a valutare l’opzione più adatta” type=”linkbutton, droppanelbutton” color=”grey-lite” align=”aligncenter” url=”http://www.webfrontier.it/contatti/” el_class=”medium-text”]

Non riesci a scegliere tra server dedicato e server condiviso?
Contattaci e ti aiuteremo a valutare l’opzione più adatta.

Contattaci